Nuovi Casinò vorrebbe dire caccia a nuovi clienti

nuovi casino online

Si è parlato tanto, ed ancora se ne parla, dell’eventuale apertura di ulteriori casinò tricolori in modo da poter coprire l’intero territorio nazionale, dato che le quattro case da gioco già esistenti hanno location solo nell’Italia settentrionale mentre tutto il resto della Penisola è sgombro dal tentare i cittadini con il gioco d’azzardo… almeno in una Casa da Gioco, perché per il resto sale da gioco ne esistono ovunque e forse, a dire di qualcuno, sono anche troppe”.

Ma in vista di queste futuribili aperture sui casino online si vuole con queste righe sottolineare, suggerire e comunicare quali potrebbero essere gli incombenti che un gestore di una struttura come il Casinò “incontra” sulla sua strada e questo per far conoscere quante “peripezie” si devono affrontare per poter avviare e mantenere una attività ludica come una Casa da Gioco.

Per cominciare, frugando anche sulle notizie dell’account twitter dedicato ai casino online legali aams in italia, si devono suddividere gli esborsi di un casinò in due categorie: spese generali ed investimenti. Naturalmente, tra le spese generali bisogna imputare il mantenimento della struttura, gli allacciamenti all’energia elettrica, il costo del personale, internet ed altro ancora. Negli investimenti, invece, a prescindere da quelli pluriennali che potrebbero essere i tavoli doubleface e nuove slot, tutto quello che potrebbe incentivare le iniziative nei fine settimana, le gare nei vari giochi e tutto ciò che potrebbe migliorare il servizio.

Sia per le spese della prima categoria che della seconda è indispensabile una ricerca quasi maniacale della descrizione e della suddivisione più dettagliata e minuziosa che servirà per poter risparmiare sulle spese e per una diversificazione degli investimenti. Nelle spese vi è da sottolineare l’impegno che si può “mettere” per l’ospitalità visto che è fuori di ogni dubbio che attraverso un particolare servizio alla clientela, specialmente quella “ricercata e di élite”, l’obbiettivo è quello degli introiti.

L’ospitalità va suddivisa in quella “generica” e quella “specifica”. Quella generica nasce saltuariamente dalla necessità di “trattare bene” un giocatore nuovo di un casino online aams con bonus o particolarmente portato ad un gioco sostenuto: invitarlo a cena e dagli la possibilità d passare la notte in un ottimo albergo, ospite. Questo è il minimo che si possa fare nel tentativo di vederlo spesso nelle proprie sale. L’ospitalità “specifica” si riferisce agli inviti in occasioni importanti per manifestazioni particolari. In questi casi è indispensabile che i costi siano addebitati alla singola manifestazione che dovrebbe comprendere tutti i dati riferiti all’introito totale e dell’invitato si dovrebbe possedere una scheda con il gioco preferito, lo sviluppo, il minimo di giocata ed altri dati sempre più in modo dettagliato.

Ora, queste sono le “azioni” particolari che chi gestisce un casinò, attualmente, incontra sul suo cammino commerciale: evidentemente qualora le case da gioco fossero in numero maggiore probabilmente ci sarebbe una sorta “di caccia al cliente”, a chi “offre di più” per la sua permanenza nelle sale, chi viene fidelizzato in modo “migliore”, chi si ricorda di lui in caso di manifestazioni particolari: insomma un business che investe tanta forza manageriale e tanta intelligenza. Ma anche tanti quattrini, tanta pazienza ed astuzia: sopratutto, il gestore deve contornarsi di collaboratori e dipendenti altamente professionali che possano così qualificare le “sue sale” e tutto ciò che viene “offerto” ai visitatori ed ai clienti. Sembrerebbe facile… ma non lo è.